Misuratore di spessore ad ultrasuoni

I misuratori di spessore ad ultrasuoni sono degli strumenti studiati apposta per misurare lamiere, sdoppiature di materiali, corrosioni e spessori.
Per ottenere dei risultati di successo, è però indispensabile che i suddetti siano privi di bolle d’aria, criccature o altri difetti che bloccano l’azione degli ultrasuoni.
Questi attrezzi sono dotati di una sonda e, al fine di andare incontro a tutte le esigenze, sono disponibili in diverse risoluzioni, ossia millesimale, centesimale e decimale.

Tipologie di misuratore di spessore ad ultrasuoni, spessimetri

In commercio esistono due tipologie di misuratore di spessore ad ultrasuoni, ossia:

misuratori a pettine: sono utili per la misurazione dello spessore delle vernici umide;

misuratori digitali: sono adatti per la misurazione dello spessore delle vernici a secco.
Questi si dividono a loro volta in altre due categorie, ovvero per materiali con base non ferrosa (a correnti parassite) e ferrosa (ad induzione magnetica).

Come funziona il misuratore di spessore ad ultrasuoni?

Per quanto riguarda il funzionamento di questi strumenti, è sufficiente inserirne la sonda sulla superficie di un lato del materiale da misurare e nell’arco di pochi secondi sarà possibile leggere i dati desiderati sul display.
Durante questa fase è però necessario aggiungere un apposito gel, in modo che il misuratore aderisca perfettamente all’oggetto in questione e fornisca le informazioni in maniera decisamente più attendibile.
Qualora sia necessario effettuare la misurazione di superfici a temperature particolarmente elevate, esistono dei dispositivi in grado di resistere fino a 300°C.

In che ambiti si utilizza un misuratore di spessore ad ultrasuoni

Il misuratore di spessore ad ultrasuoni viene utilizzato in numerosi settori merceologici, basti pensare alle industrie farmaceutiche, casearie, vinicole, alimentari, chimiche e petrolchimiche.
Naturalmente non mancano nemmeno gli utenti privati, i quali troveranno un valido alleato durante l’espletamento di diverse mansioni.

Come scegliere uno spessimetro digitale ad ultrasuoni

Prima di procedere con l’acquisto di uno spessimetro digitale, si raccomanda di prendere in considerazione i seguenti elementi:

– risoluzione: se si è soliti lavorare in ambienti scarsamente illuminati, oltre alla scalda decimale, si consiglia di puntare ad un misuratore di spessore retroilluminato, in modo da poter leggere i dati senza alcuna difficoltà;

precisione: più un apparecchio legge i dati in maniera precisa, maggiore sarà la sua attendibilità;

velocità, in modo da ottenere i dati nel più breve tempo possibile;

ultrasuoni: possono essere regolati in base alle proprie necessità;

campo di misura: deve essere commisurato alla dimensioni delle superfici da misurare.

Alcuni modelli di misuratore di spessore ad ultrasuoni

Nelle righe successive verranno illustrati due modelli di misuratore di spessore ad ultrasuoni distribuiti dall’azienda AM&C di Roma, con le rispettive caratteristiche tecniche.

Spessimetro ad Ultrasuoni serie AM8812

Dispositivo indicato per la misurazione del grado di corrosione e dello spessore di recipienti a pressione, serbatoi, apparecchiature industriali e boiler.
I materiali da esaminare possono essere ottone, PVC, zinco, rame, vetro di quarzo, alluminio, polietilene, ghisa e acciaio.
È inoltre presente un blocchetto di calibrazione per consentire una corretta taratura precedente ad ogni misurazione.
Il range di misura disponibile oscilla da 1.0 a 200 mm, la risoluzione corrisponde a 0.1 mm, mentre la velocità del suono può essere regolata dai 500 ai 9000 m/s.
All’interno della confezione sono infine inclusi una valigetta per il trasporto, le istruzioni in lingua inglese e italiana e una sonda esterna.

Spessimetro per Rivestimenti AM8801FN

Apparecchio capace di misurare in modo assolutamente non invasivo lo spessore di materiali non magnetici come smalti, porcellane, pitture, gomme, rivestimenti galvanizzati, plastiche.
Lo stesso discorso vale anche per le superfici non ferromagnetiche (vedi alluminio e lega) oppure non conduttrici di corrente elettrica come film di ossido anodico, pittura e plastica.
Essendo in grado di riconoscere automaticamente la tipologia di substrato, risulta semplice da utilizzare e riesce a memorizzare fino a dieci letture.
Questo misuratore è alimentato da una batteria mini stilo (AAA) e ha un range di misura corrispondente a 0-1250 μm.
All’interno della confezione è presente un set di calibrazione.